I Sensori di pH Foxboro® tagliano i costi e ottimizzano le operazioni di un’Applicazione Petrolchimica Corrosiva

Quadro Generale

La Eastman Chemical Company produce oltre 1.200 prodotti chimici, con un fatturato annuo di 5,3 miliardi di $
E’ la maggiore azienda al mondo, che fornisce materie plastiche, poliestere per imballaggi, rivestimenti, materie prime, prodotti chimici speciali; fibre di acetato di cellulosa, prodotti chimici di base.

Obiettivi

  • Aumentare la vita e le prestazioni dei sensori immersi in soluzioni altamente corrosive, esposte a temperature di esercizio estremamente alte e migliorare la qualità, riducendo i costi.

Sfide

  • I sensori di pH esistenti richiedevano frequenti sostituzioni, spesso dopo due settimane dall’installazione, e in alcuni casi con una frequenza di tre volte alla settimana
  • I sensori esistenti non riuscivano a tollerare l’ambiente, le letture non erano accurate, per cui gli operatori dovevano aggiungere prodotti caustici con conseguente aumento dei costi di produzione e di manutenzione.

Sensori di pH Foxboro® DolpHin

Risultati:

  • Questi nuovi sensori si sono dimostrati più stabili, precisi, con prestazioni fino a cinque volte superiori nella velocità di risposta del sensore durante la misurazione di 8,8 milioni di chili di prodotti chimici al giorno.
  • La formulazione in vetro del sensore di pH ha aumentato la durata del sensore a sei mesi, riducendo di otto volte i costi di manutenzione/sostituzione.
  • Il risultato delle misure effettuate, ha consentito agli operatori di ridurre del 50% l’aggiunta di sostanze caustiche, e di evitare frequenti lavaggi lavaggio a base di idrossido di sodio.

“Con i sensori di pH Foxboro DolpHin, i costi di manutenzione risultano otto volte inferiori rispetto ai precedenti, con una conseguente ottimizzazione dell’efficienza dello scrubber.”

– Wyatt Partney

Senior Control Systems Technician Eastman Chemical Company

La Sfida del Sensore

In applicazioni difficili come nei trattamenti chimici e petrolchimici, un dispositivo che può rappresentare costi significativi è il sensore. Spesso esposti o immersi in soluzioni altamente corrosive e soggetti a temperature operative estremamente elevate, i sensori sono sonde critiche in prima linea che forniscono dati fondamentali per garantire il controllo di qualità, le ‘efficienza dei processi .
Eastman Chemical Company ha scelto i sensori di pH Dolphin™ di Foxboro, per il complesso produttivo di Longview, Texas.

La Eastman in Texas produce e spedisce 8,8 milioni di libbre al giorno di prodotti chimici e materie plastiche per clienti in tutto il mondo.

A Longview, il suo impianto di lavaggio gas utilizza acqua e soda caustica in una soluzione di idrossido di sodio al 20% per rimuovere acido cloridrico da gas di scarico prima dello sfiato.

Per soddisfare gli standard aziendali e i requisiti ambientali federali, il contenuto di gas acido delle emissioni convogliate deve rimanere entro livelli accettabili. La misura affidabile del livello di pH della soluzione caustica è essenziale per un lavaggio efficace, per la conformità alle normative, e per la riduzione dei costi di consumo dei prodotti caustici.

Per monitorare i livelli di pH, lo scrubber utilizza un sistema ridondante a due sonde.
Le condizioni dello Scrubber presentano sfide significative, compresa l’esposizione aad una temperatura operativa nominale di 185°F (85°C) e un pH fino a 10,5.
I sensori di pH esistenti dovevano quindi essere sostituiti frequentemente – spesso entro due settimane dall’installazione, anche con una frequenza di tre volte alla settimana.

Le letture non erano accurate, e quindi gli operatori dovevano aggiungere soda caustica, con relativo aumento dei costi derivanti dal maggiore impiego di soda caustica, e dai manutenzione.

Soluzione con Sensore Unico

Ritenendo le altre opzioni inadeguate, i tecnici Eastman Chemical hanno testato i nuovi sensori di pH ad alta temperatura Foxboro serie DolpHin, che si sono dimostrati essere la soluzione ideale.

Questi sensori sono progettati per applicazioni critiche che spaziano su tutta la scala del pH, con forti concentrazioni chimiche, alto contenuto di solidi, temperature variabili.

La loro unica formulazione in vetro fornisce una stabilità superiore di misurazione e precisione, maggiore durata in applicazioni ad alta temperatura fino a 250°F (121°C). Inoltre, il vetro aumenta fino a cinque volte la velocità della risposta e fornisce cicli di rendimento più lunghi rispetto ai sensori tradizionali.

La struttura di un elettrodo innovativo del sensore DolpHin è dotato di una barriera di ioni per proteggere e stabilizzare il potenziale di riferimento in condizioni difficili. I suoi elettrodi sono contenuti in un alloggiamento robusto meccanico che facilita l’installazione, la rimozione, la pulizia e la taratura, riduce i tempi e i costi di manutenzione.

Risultati Sorprendenti

Eastman riferisce risultati sorprendenti. La formulazione del vetro del sensore DolpHin aumenta di sei mesi la durata del sensore, e un notevole miglioramento rispetto ai precedenti prodotti che hanno funzionato correttamente per tre o quattro settimane.

Secondo Wyatt Partney, Tecnico Senior dei Sistemi di Controllo, “I sensori DolpHin sono risultati così efficaci nella soluzione tecnica dei problemi, e nella riduzione dei costi per gli scrubber, che sono stati inseriti in una serie di altre applicazioni impegnative.